Esordio amaro.

Prima uscita ufficiale dei Celtics nel campionato di III Divisione FIDAF.
C’era molta curiosità tra il coaching staff e i giocatori, in merito a quale punto fosse la loro forza, rispetto ad una delle antagoniste del girone I, giudicata da alcuni potenziale pretendente alla fase finale del campionato.
Ebbene, tutto sommato il verdetto non ha sorpreso più di tanto quelle che erano le aspettative, anche se il confronto ha messo in evidenza una sostanziale differenza sotto l’aspetto fisico delle due squadre: Hurricanes molto fisici e più portati ad un power football; Celtics più agili e veloci finchè le forze non hanno cominciato a mancare.

1918078_10209257004570049_4980334655727798131_n

La cronaca ci racconta di un primo quarto dove gli ospiti hanno sorpreso i vicentini con veloci incursioni in attacco, che hanno messo in grossa difficoltà la pesante difesa bianco-rosso-nera.
Infatti il primo TD arriva da una corsa del RB#24 Waily Jimenez.
Il calcio di trasformazione di Gabriel Forero è preciso e i dolomitici vanno sul 0 – 7
Anche la difesa argentoverde rende la vita difficile all’offense berica, facendo ottima pressione con i lineman Giuliano e De Mio.
Nel secondo quarto gli Hurricanes accorciano sorprendendo la difesa con l’inserimento del LB#99 Scapin in posizione di  TE, il quale attraversa la end zone per ricevere il passaggio da Nardon.
Trasformazione fallita e score sullo 6 – 7
Ma i Celtics non mollano e insistono con Jimenez e Curto in attacco; La difesa di casa regge agli assalti! E’ da un intercetto del LB# 54 Maicon D. Azevedo(il secondo per lui), che i Celtics riprendono il largo, arrotondato dalla trasformazione di Bruno Boscia che dopo la diffficoltà nel posizionare la palla per il piede di Forero, decide di correre in endzone evitando i sorpresi avversari vicentini.  6 – 15 e su questo punteggio si va all’intervallo.

12814435_10209257152413745_1260807626380129404_n

Tra le fila dei Celtics c’è qualche sorriso. La prestazione fin qui sembra essere buona.
Nel terzo quarto però l’attacco comincia ad arrancare, complice anche gli aggiustamenti difensivi operati da Coach Carbone. Feltrini che insistono di più all’esterno e Hurricanes pronti a chiudere i varchi.
Anche la difesa guidata dal capitano #83Nicola Romanel, (autore comunque di una grande partita), comincia a sentire il peso dell’incontro e a concedere qualcosa in più all’attacco avversario.
Sul finire del terzo quarto gli Hurricanes si portano a 12pt grazie al TD di Ferraro su pass di Nardon. Il drive ha però per protagonista il RB Veluscek.
Sul ritorno di Kickoff successivo, il giovane Bryan Matos, arrivato poco oltre la metà campo non riesce a resistere all’ennesimo tentativo di placcaggio perdendo il controllo della palla, la quale viene ricoperta dai giocatori in maglia nera.
Il drive vicentino è fermato. Ma l’offense ospite non riesce più ad essere incisiva come nel primo tempo. Tornano in possesso gli Hurricanes che concludono il drive, trainato da Veluscek,  trovando ancora una volta Ferraro in ednzone servito dal solito Nardon. Ancora una volta la trasformazione è fuori e quindi il punteggio si fissa sul 18 – 15.
Negli ultimi 3 minuti non succede più nulla di rilevante!

1526209_10209257169174164_1178478336819787235_n

Celtics comunque che escono a testa alta, consapevoli di aver affrontato una avversaria di tutto rispetto. Coach Biasutti, Feltrin e Munerol hanno incoraggiato i loro giocatori a prepararsi al meglio per l’incontro con i Redskins che sarà già il prossimo sabato, questa volta nella tana dei lupi dolomitici.